Verona cosa vedere

Verona Città d’Arte

Verona è da sempre terra di colonizzazione e di contaminazione con civiltà diverse ed eterogenee, ciascuna delle quali ha lasciato testimonianze culturali, artistiche ed architettoniche che hanno composto, nei secoli, un immenso patrimonio di storia e tradizione.

Esistente fina dal III Sec. a.C., Verona fu costituita in municipio romano nell’anno 49 a.C.: a partire da questa data, gli abitanti di Verona divennero cittadini romani a tutti gli effetti.
Posta a presidio di importantissime arterie di comunicazione, era attraversata dalla Via Postumia, che collegava Genova con l’Adriatico ed è tuttora percorribile per un lunghissimo tratto urbano, e dalla Via Claudio-Augusta, che seguendo la Val d’Adige si inerpicava verso le regioni germaniche. Il controllo diretto su traffici commerciali e sui trasporti militari la rese un centro tanto importante da farla riconoscere come la città più romana dopo Roma.

Con la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, a partire dal IV secolo fu conquistata dai barbari delle regioni nord-orientali, attratti dalla sua prosperità e dalla posizione strategica; furono seguiti da Longobardi e Franchi.

Nel 1136 Verona si costituì in Comune fino a quando, nel 1226, Ezzelino da Romano assunse il potere; per suo ordine fu edificata la seconda cinta muraria di Verona, che tuttora si snoda ad abbracciare il centro storico ed è visibile in ampissime porzioni.
Il 1259 segna l’ascesa di una ricca famiglia di mercanti di lana, i della Scala. Mastino della Scala divenne Podestà in quell’anno; sarà il primo di una serie di Scaligeri che, fino al 1375, governarono Verona secondo un moderno regime partecipativo fra Signoria e Cittadini. Gli Scaligeri furono principi di grande potere e di immensa ricchezza, tanto che Mastino II, nel 1336, era considerato uno degli uomini più ricchi del mondo allora conosciuto; sotto la loro guida Verona arrivò ad una posizione di supremazia conquistando un territorio si estendeva da Belluno a Lucca, e conobbe un periodo di floridezza ed espansione economica e culturale. Gli Scaligeri furono abili conquistatori, amministratori illuminati e grandi mecenati – Dante Alighieri fu un frequente visitatore della loro corte come ospite, amico e rifugiato politico; ed è durante il loro principato che William Shakespeare ambienta il suo capolavoro Giulietta e Romeo.

Dopo una breve dominazione dei Visconti di Milano, nel 1405 Verona passò sotto il governo della Serenissima Repubblica di Venezia: il regime veneziano durò quasi 400 anni conferendo nuova stabilità e prosperità.

Il 1° giugno 1796 le truppe Napoleoniche occuparono Verona; dopo pochi anni verrà ceduta all’impero asburgico fino al 1866, quando si unirà al Regno d’Italia.


La Verona Romana

La grande prosperità della Verona romana è testimoniata dalla qualità di resti e reperti che affiorano in ogni punto del centro storico. Ce ne son talmente tanti che alcuni, venuti alla luce in occasione di manutenzioni ordinarie a strade e palazzi, sono stati accuratamente studiati, catalogati, documentati … e ricoperti. Leggi tutto “La Verona Romana”